SAN CRISTOFORO - Nostro Santo Ausiliatore 
" Chi lancia l' occhio sul Santo Cristoforo sarà invunerabile contro dalla debolezza quel giorno. "
La seguente iscrizione si trova ordinariamente sotto la sua immagine.

Santo Cristoforo è il patrono santo dell' isola Rab ed abitanti, i viaggiatori e marinai, una protetore contro misfortuna, della malattia, e della tempesta. 

Le storie elementi di lui contenendo di favola popolare, l'allegoria ed il parola-gioco sul suo nome. Gli alcuni, lui era contadino (una tradizione dice che prima che la sua conversione ha avuto la testa di cane), il altri era principe che, attraverso l'intratenanza della nostra Signora, era nato a un re. Alcuni hanno regolato la scena in Siria, alcuni in Canaan ed in alcuni nell'Arabia. Il suo nome, prima che la sua conversione, è come dato Offerus, Offro, Adokimus, Reporb o Reprebus.

La Leggenda Dorata

Nel terzo secolo esistato in Canaan (Palestine) un uomo di configurazione e la forza gigantesca. Questo uomo di grande forza ma di una natura sensibile, i voti di servire l' uomo più vigoroso e più coraggioso su Terra. Così iniziare i viaggi alla ricerca della verità che
sono commemorati in molti viaggi anche oggi. Il più grande re della regione era il suo primo padrone, ma Reporb ha trovato re era paura del Diavolo. Quindi ha lasciato il re per servire il diavolo, ma abbastanza presto ha scoperto il diavolo era paura di Jesus Cristo ed aabandonato lui anche. Reporb ha cercato Cristo lungo e duro; eventualmente incontra un asceta ( Santo Babylas di Antiohia) che lo converte. Comunque, Reporb non ha voluto digiunare e slacciare il sua forza, ma neanche pregare. Il asceta lo dice che egli può servire Jesus piu miglior in maniera di fare il bene un lavoro sul Terra per cui egli è aggiustato bene, lo ha persuaso di trasportare invecchiati e deboli attraverso il fiume.

Una notte di tempesta Reporb porta sopra il fiume un bambino piccolo che insiste sull viaggio a quel momento. Con ogni passo che porta, il peso diventa più pesantemente; a metà strada sopra sente certo che la sua forza fallirà, e che egli ed il suo passeggero affonderà alle profondità del fiume. Quando finalmente hanno raggiungiato dall altra parte, il bambino lo dice che ha continuato le sue spalle tutti i peccati del mondo, e gli chiede di piantare il suo grande camminando-personale nel suolo. Subito un albero meraviglioso spunta miracolosamente, ed allora ha dato la frutta, appena come la canna di Aaron. Poi era lui riconoscuto il Cristo -Bambino.
Da quel giorno il gigante ha preso il nome Cristoforo: 'E successivamente era dato un nome a Cristoforo, che è tanto quanto dire che portando Cristo.'  Cosí esperienza esso non sorprendente ciò, malgrado tutti i pericoli, Cristoforo dovrebbe predicare Cristo e dedicarsi al la religione.

È stato sondato dalle varie tentazioni - è stato assalito da due puttane che hanno desiderato sedurli e dincitarli a lasciare la fede, ma ha convertito lori due.Durante l' anno 251. in tempo di Imperatore romano Decius, il persecutore dei cristiani, Cristoforo si è concluso sull' isola greca Samos in cui è stato corteggiato per non rinunciarli la cristianita, torturato ed èseguito per un esecuzione davanti a 40 tiratori ma tutti e 40 le falliti come le frecce hanno ritornato agli tiratori, guidati dalla mano del Dio. Una delle frecce ritornate ha passata attraverso il cuore del imperatore. Per concludere, è stato decapitato.

"Anche se così poco si sa della vita di San Cristoforo, c'è molto da essere compreso dalla sua esperienza di portare Cristo attraverso il fiume. La sua storia rappresenta un messaggio di speranza che tutti i cristiani sono chiamati a trasportare e di "mettere su" Cristo, prendendo le croci, dato a ciascuno di noi, nella nostra vita. Christopher portò la sua "croce" (Cristo stesso) e, infine, subirono il martirio per la fede, adempiendo il comandamento di Cristo,  "Chi non prende la sua croce e mi segue, non è degno di me" (Mt 10,38). "- Fonte http://orthodoxwiki.org/Christopher_of_Lycia

La Chiesa ortodossa orientale venera Christopher di Lycea con una festa il 9 maggio, mentre nelle chiese occidentali suo giorno viene celebrato al 25 luglio.

Durante il tempo medioevale la sua immagine era trovato all'entrata di chiese o ai cancelli di città, incitate dalla credenza che quelli che hanno fissato sulla sua immagine dovrebbero non morire quel giorno: e ciò oggi, dove gli uomini possono viaggiare, Santo Cristoforo dovrebbe andare con loro.

Protettore santo di isola di Arbe
 
The box containing Saint's head Le parti del corpo del santo hanno finito come reliquie nelle chiese numerose sul mondo. La mano si guarda in Sibenik in Dalmatia, e nel suo cranio in Rab ( riportata dal Constatinopol al 809. come un regalo a diocesa da Patriarch Nikephoros) dove è tenuto fino odierno come reliquia preziosa. È apprezzata in casella dorarta, il cranium ha ottenuto corona decorata con le gemme. La corona era donorata dalla parte di gente di Rab o pure dalla regina Elisabeta Kotromanic. (  In 1353, Elisabeta Kotromanic è diventata come la seconda moglie del Re e Imperatore Louis I d'Anjou il Grande, Lajos Nagy, di Ungheria, Croazia, Rascia, Polonia, ecc. ) 

Di Vescovo Domanus, nato in Cres, ha portato giù il primo di molte salvezze di miracoli dopo partocinatore che è successo 9. Maggio del 1705. 

In quelli tempi medioevali hanno gli abitanti di Arbe piu volte riuscato nella diffesa della citta con aiuto di loro patrocinatore. In onore del loro santo protettore, San Cristoforo, hanno introdotto il Torneo di balestre.

Gli altri miracoli erano descritti di Vescuvo Juraj Hermolais nel suo lavoro " I miracoli del San Cristoforo".

 Autore: Vinko Maskarin
La Reliquia di Santo Cristoforo si guarda oggi in una casseruola dorata che si trova in museo sacrale in citta di Rab.

Piu di St. Cristoforo - in inglese
Immagini di Cristoforo in Arte
 
ITA - Home Guida Sistemazione Nautica Turistico Foto Di noi

© 1992 - 2013.   KRISTOFOR Tutti i Diritti Riservati. ---- Inviare richiesta: info@kristofor.hr  i suggerimenti o le osservazioni al Webmaster